BLOG - Pensiero e Azione: chi vince?

Valentina Gioia - Coaching & soluzioni

Pensiero e Azione: chi vince?

 

Ti è mai capitato di fare tante cose sull’onda della necessità e poi, appena riesci a fermarti e riflettere su quello che hai fatto, ti dici: “…. a pensarci avrei fatto diversamente!”.

 

E adesso arriva anche l’altra faccia della medaglia, ci saranno state tante altre occasioni nelle quali ti sei ritrovato ad affermare l’esatto contrario: “ basta pensare! Adesso è arrivato il momento di agire!”

In realtà…..il pensiero è già azione, tuttavia quello che accade nel quotidiano è che non riteniamo sia così! Vuoi una prova tangibile?

 

Quante volte ti sei fermato alla sera a pensare cosa inserire nella tua lista di cose da fare il giorno dopo? E ancora: quante volte hai pensato che quella riunione non operativa sia stata tempo speso inutilmente visto le tantissime cose da fare?

 

Ogni nostra azione è frutto di un pensiero, sia esso consapevole o inconsapevole; il pensiero è energia creatrice che, se usata e guidata dalla nostra volontà, ci permette di aver già “realizzato una cosa” ancor prima che si sia concretizzata. Quindi, vale la pena di pensare e ripensare…. le cose giuste per noi!

 

Ma che cos’è il pensiero dal punto di vista psicologico?

 

Il pensiero è l´attività della mente, un processo che si esplica nella formazione delle idee, dei concetti, della coscienza, dell´immaginazione, dei desideri, della critica, del giudizio e di ogni raffigurazione del mondo; può essere sia conscio che inconscio.

 

Pensiero è un termine che deriva dal latino pensum (participio del verbo pendere: "pesare"), e stava ad indicare un certo quantitativo di lana che veniva appunto "pesata" per poter essere infine passata alle filatrici le quali a loro volta avevano il compito di trattarla. Il "pensum" era quindi la materia prima, più grezza, designante metaforicamente un elemento o un tema che doveva essere secondariamente trattato, elaborato, dandogli così una nuova forma. (Tratto da Wikipedia).

 

Il pensiero è qualcosa di straordinariamente semplice che porta con sé la potenzialità di realizzare e creare “oggetti complessi”: visioni, stati d’animo, idee, ricordi….visibili e invisibili, consapevoli e inconsapevoli, osservabili esteriormente o meno, in una parola è la nostra forza! Sta a te decidere come usarla e creare il mondo, interiore ed esteriore, che desideri!

 

 

Un uomo non è un pigro, se è assorto nei propri pensieri;

esistono un lavoro visibile ed uno invisibile.

Victor Hugo

Nessun commento
Lascia un commento
Nome
E-Mail (non verrà pubblicato)
Sito web
Informativa ai sensi D.LGS 30 giugno 2003 n. 196
Leggi l'informativa

Acconsento al trattamento dei dati personali

Inserire il cod. antispam: